RAPPRESENTAZIONE TEATRALE
“U principuzzu nicu” 

Giorno 7 novembre 2016 gli alunni dell ‘Istituto “Canonico V. Bascetta” di Adrano si sono recati al teatro “G. Paolo II” per assistere alla rappresentazione teatrale “ U principuzzu nicu”,traduzione e adattamento in siciliano del “ Piccolo principe “ di A. Saint-Exupery.

Appena arrivati nella sala teatrale ci ha colpito l’eleganza del piccolo teatro. Spente le luci il palcoscenico si illumina su una scena con dei cubi di cartone e un aviatore con un piccolo aereo attira la nostra attenzione, inizia a parlare nel nostro dialetto, e la cosa ci ha fatto un po’ sorridere, ma subito siamo stati catturati dalla vicenda.

Un aviatore incontra il piccolo principe, un bambino proveniente da un altro pianeta: L’asteroide B-612, dove abita da solo ed ha per amica una rosa. ” U principuzzu” racconta di aver visitato molti pianeti dove ha conosciuto diversi personaggi strani: un vecchio re solitario, un vanitoso, un ubriacone, un contabile che passa il giorno a contar le stelle, un lampionario che accende e spegne il lampione del suo pianeta, un geografo che consiglia al piccolo principe di andare sulla terra.

Atterra nel deserto ed incontra un serpente , prosegue  ed arriva in un roseto dove meravigliato capisce che la sua piccola rosa non è unica al mondo. Infine incontra una volpe, la  quale parla del valore dell’amicizia.

Terminato il racconto l’aviatore non ha riparato l’aereo e insieme vanno alla ricerca di un pozzo per un po’ d’acqua, bevuta l’acqua e dissetatosi il piccolo principe vuole tornare sul suo pianeta, molto lontano e non raggiungibile in aereo, si fa mordere dal serpente , si libera del corpo che sparisce, il pilota capisce che il piccolo principe è andato sul suo amato asteroide e ogni volta che vuole vederlo guarderà il cielo per ricordarsi di lui.

Lo spettacolo reso divertente dalla lingua in dialetto ci ha insegnato e fatto riflettere sull’atteggiamento degli adulti, che pensano solo a sé stessi mentre dovrebbero ascoltare di più noi ragazzi. I grandi devono imparare a sorridere ed ascoltare il messaggio di tolleranza ed amore, che questa commedia ci ha rivelato, riscoprire i veri sentimenti e vedere la realtà con lo sguardo sincero di noi bambini.

GLI ALUNNI

  • Pignataro Grazia, Ciletta Paolo, Ali’ Gabriele, Zignale Raffaele (classe II F)
  • Furnò Francesca, Politi Marica, Scalisi Martina (classe III A) 

 

 

 


 

LINK